ULTIMI TEMPI


 
IndiceCalendarioFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Ultimi argomenti
» se donerai un sorriso
Sab Ott 19, 2013 6:09 pm Da filippo

» una stella ti fa ricordare
Ven Ott 11, 2013 10:02 pm Da filippo

» dona l'amore
Ven Ott 11, 2013 9:12 pm Da filippo

» un ricordo
Gio Ott 10, 2013 9:14 pm Da filippo

» il cielo e il sole e il mare
Gio Ott 10, 2013 9:14 pm Da filippo

» LADRO DEL TEMPO
Gio Ott 10, 2013 7:00 pm Da filippo

» TORNADO MOSTRO IN USA
Sab Ott 05, 2013 5:38 pm Da filippo

» GUARDAVO LA BELLEZZA
Ven Ott 04, 2013 9:35 pm Da filippo

» INGHILTERRA, USA, AUSTRALIA, CANADA SONO PEGGIO DI SODOMA
Mer Ott 02, 2013 7:36 pm Da filippo

» QUANDO IL TUO CUORE
Mar Ott 01, 2013 3:10 pm Da filippo


contatori internet

http://www.finedeitempi.altervista.org/

 

http://www.peterjamesx.com/

Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 2 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

Il numero massimo degli utenti in linea è stato 98 il Mer Nov 26, 2014 10:00 pm

Condividere | 
 

 IDOLATRIA ...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
filippo



Data d'iscrizione : 27.01.10
Età : 37

MessaggioOggetto: IDOLATRIA ...   Gio Ago 16, 2012 2:42 pm

di Peter James:

http://www.peterjamesx.com/    /




L’idolatria è il peccato numero uno al giorno d’oggi.
Quindi è il primo dei dieci comandamenti per una buonissima ragione.
La maggioranza non si rende conto di essere coinvolti nell’idolatria
e come soffrono a causa delle loro attività.
Si applica ai cristiani e non cristiani.

Un catechismo ha dichiarato i primi due comandamente come segue:
 
1. Adora e ama il Dio supremo
2. Astenetevi di maledire o bestemmiare.

Benché dobbiamo fare attenzione al summenzionato
non dice quello che i comandamenti dicono.

Esodo 20:2 «Io sono il Signore, tuo Dio,
che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto,
dalla condizione di schiavitù:
Esodo 20:3 UNO non avrai altri dei di fronte a me.

Esodo 20:4 DUE Non ti farai idolo né immagine alcuna
di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra,
né di ciò che è nelle acque sotto la terra.
Esodo 20:5 TRE Non ti prostrerai davanti a loro
e non li servirai. Perché io, il SIGNORE, sono il tuo Dio,
un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli
fino alla terza e alla quarta generazione,
per coloro che mi odiano,
Esodo 20:5 ma che dimostra il suo favore
fino a mille generazioni, per quelli che mi amano
e osservano i miei comandi.

Quando lo si legge si può vedere come il più grande abbreviato,
ma corretto Adora e ama un Dio supremo permette tutti i titpi di attività.
È molto incompleto e inadequato, quindi inaccettabile.

I Comandamenti dichiarano specificamente quello che dobbiamo fare
Questi versi mostrano che osservare i comandamenti è amare Dio.
Romperli è odiare Dio.

La parola di Dio chiarisce chiaramente che è possibile essere maledetti
dagli altri, tuttavia è più facile che ci portiamo le maledizioni su noi stessi
senza che ce ne rendiamo conto e alla fine come la nazione
dell’Antica Israele che sono tutte le 12 tribù furono ripetutamente
resi schiavi.

Le stesse parole di Gesù Cristo ci dicono che è possibile
che gli altri ci malediscono.

Ci è stato detto che dobbiamo reagire benedicendoli.

Matteo 5:44 Ma io vi dico: Amate i vostri nemici,
benedite coloro che vi maledicono,
fate del bene a coloro che vi odiano,
e pregate per coloro che vi maltrattano e vi perseguitano,

L’apostolo Paolo conferma la stessa cosa

Romani 12:14 Benedite quelli che vi perseguitano
benedite e non maledite.

È chiaro che il modo di reagire alla maledizione è benedire

Nel summenzionato Esodo 20:5 il peccato dell’idolatria risulterà
in una maledizione di generazione fino alla quarta generazione.
Nel rovescio della medaglia quelli che obbediscono i comandamenti
saranno benedetti per mille generazioni.

Molti insegnano che al giorno d’oggi non esistono tali maledizioni,
principalmente per i cristiani.
È vero che Gesù Cristo divenne una maledizione per noi
quando prese i nostri peccati su se stesso per pagare il prezzo
per i nostri peccati.

1 Pietro 2:24 Egli stesso portò i nostri peccati
nel suo corpo sul legno della croce, affinché noi,
morti al peccato, viviamo per la giustizia;
e per le sue lividure siete stati guariti.

La parola è chiarissima e ci da molti resoconti della nazione d’Israele
abbraciando l’idolatria e le conseguenze di tale attività.
Possiamo essere certi che non possiamo avere un piede su un campo
e l’altro su un altro campo. Non funzionerà mai.

1 Corinzi 10:21 Voi non potete bere il calice del Signore
e il calice dei démoni, voi non potete partecipare
alla mensa del Signore e alla mensa dei démoni.

Nel Libro dell’Apocalisse si vede la conclusione.
Si vede che malgrado la punizione delle piaghe, le persone
continuano nei loro costumi idolatri

Apocalisse 9:20 E il resto degli uomini, che non furono uccisi
da queste piaghe, non si ravvide ancora dalle opere delle loro mani
e non cessarono di adorare i demoni e gli idoli d'oro, d'argento,
di bronzo, di pietra e di legno, che non possono né vedere,
né udire, né camminare;
Apocalisse 9:21 essi non si ravvidero dei loro omicidi
né dalle loro magie né dalla loro fornicazione né dai loro furti.

Si vede un misto di tutta le malvagità.
Ci è stato chioaramento detto che stiamo perdendo tempo
a pregare e fare riti a oggetti inanimati che non possono nè vedere,
nè sentire nè aiutarci.
Se riceviamo una risposta possiamo essere certi che non è di Dio.

Bruciare l’incenso e l’adorazione agli idoli non è nuovo.
Ci sono molti esempi nel Vecchio Testamento.

2 Re 22:17 perché essi mi hanno abbandonato
e hanno bruciato incenso ad altri dèi per provocarmi
ad ira con tutte le opere delle loro mani.
Perciò la mia ira si è accesa contro questo luogo
e non si spegnerà".

L’espansione di altri dei per includere ‘tutti i lavori delle loro mani’
completa tutte le cose non coperte dai materiali summenzionati.
Al giorno d’oggi questo comprende: adorazione, lavoro,
anche il lavoro di Dio, super stars; sport, films, musica, televisione,
lavori, possessioni, denaro, noi stessi, alta tecnologia, giochi,
macchine, ordinatori, buoni lavori eccetera, eccetera.
Possiamo essere talmente coinvolti con il lavoro di Dio
che diventa il nostro idolo e lo sostituisce.

Astrologia e la sua idolatria

2 Re 23:5 Inoltre soppresse i sacerdoti idolatri
che i re di Giuda avevano stabilito per bruciare incenso
negli alti luoghi nelle città di Giuda e nei dintorni
di Gerusalemme, e quelli che bruciavano incenso a Baal,
al sole, alla luna, ai segni dello zodiaco e a tutto l'esercito del cielo.
 
'L’Incenso’ ha che fare con l’adorazione. Al giorno d’oggi
si da una grande importanza all’astrologia.
Gli oroscopi appaiono su tutti i giornali, riviste, radio e ordinatori.
Milioni di persone guardano alle stelle del paradiso per indicazioni
di quello che devono fare.
Al giorno d’oggi, specialmente nell’occidente
si usano piccole statue di porcellana.
Nell’oriente si usano grandi statue di pietra di parecchie tonnellate
o statue d’oro.
Ci è statio avvertito di non seguire il corso di questa azione.

Attraverso le scritture si trova l’idolatria collegata alla fornificazione.
Dove c’è una si trova l’altra.

La fornificazione è la relazione sessuale illecita tra due persone.
L’idolatria è anche una relazione illecita.

Prendiamo in considerazione come Gesù Cristo si è riferito
a Deuteronomio quando aveva definito il primo comandamento
 
Marco12:29 E Gesú gli rispose: «Il primo comandamento
di tutti è: "ascolta, Israele: Il Signore Dio nostro è l'unico Signore",
Marco12:30 e: "ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore,
con tutta la tua anima, con tutta la tua mente
e con tutta la tua forza". Questo è il primo comandamento.

Questo dovrebbe farci pensare ancora.
Possiamo facilmente dire che non commettiamo l’idolatria,
che s, iamo cristiani.
Bene, come rispondiamo alle seguentio quattro domande?

1) Amiamo Dio con tutto il nostro cuore?
2) Amiamo Dio con tutta la nostra anima?
3) Amiamo Dio con tutta la nsotra anima?
4) Amiamo Dio con tutta la nostra forza?
 
Se la risposta di ognuna di queste quattro domande
è no, allora Dio non si trova nella posizione numero uno.
C’è qualcosa o qualcuno che sta prendeno il suo posto.
La realtà è che se questo è il caso, allora commettiamo adulterio.

Qui è più esteso:

Efesini 5:2 e camminate nell'Amore, come anche Cristo
ci ha amati e ha dato se stesso per noi, in offerta
e sacrificio a Dio come un profumo di odore soave.
Efesini 5:3 Ma come si conviene ai santi, né fornicazione,
né impurità alcuna, né avarizia siano neppure nominate fra di voi;

Efesini 5:4 lo stesso si dica della disonestà, del parlare sciocco
e della buffoneria, le quali cose sono sconvenienti,
ma piuttosto abbondi il rendimento di grazie.
Efesini 5:5 Sappiate infatti questo: nessun fornicatore
o immondo o avaro, il quale è un idolatra, ha alcuna eredità
nel regno di Cristo e di Dio.
Efesini 5:6 Nessuno vi seduca con vani ragionamenti,
perché per queste cose viene l'ira di Dio
sui figli della disubbidienza.

È importante vedere i 5 versi in contesto
Le varie traduzioni aggiungono chiarezza

Weymouth 5 Per essere bene certo che nessun fornificatore
o persona immorale o nessun avido di denaro o in altre parole
adoratore d’idolo abbia nessuna partecipazione
nel Regno di Cristo e di Dio.

Darby 5 Per questo sii bene informato
che nessun fornificatore o persona impura
o sfrenato desiderio che è un idolatra ha eredità
nel Regno di Cristo e di Dio;

Darby fa il seguente collegamento e cosi pure Rothrham
fornicator e collegato a idolatria =fornicatore
persona imura collegata a idolatria = persona impura
sfrenato desiderio collegato a idolatria = persona avida
 
Rothrham 5 Perchè sai che se prendi nota
che nessun fornificatore o persona impura o avida
che è un idolatore ha ogni eredità nel Regno di Cristo e di Dio.

Ci sono molte pratiche demoniache potenti sotto il titolo della ‘Religione’
Al giorno d’oggi si fanno ‘guerre sante’. Questa è una contradizione
e completamente contro quello che Gesù Cristo ha insegnato.
Il mondo è pericolosamente sul punto di maggiori ostilità
dopo la distruzione del 'World Trade Centre' e del 'Pentagono' negli USA.
Devastazione che distrusse direttamente e inderettamente migliaia
di persone tutte nel nome di Dio.
Hanno una litania di falsi Dio che schierano in parata come il vero Dio.
Adorano armi e distruzione.
Tristemente le Denominazioni hanno ingannato completamente i popoli.

C’è un altro fenomeno mondiale, l’adorazione degli antenati.
È trovato in paesi sofisticati come il Giappone e paesi dell’Africa.
È un’abominazione e distrugge la mente di quelli che sono coinvolti i
n queste usanze. Dobbiamo renderci conto che dobbiamo pentirci
della ‘nostra ‘cultura.’
Come cristiani non possiamo continuare a fare delle pratiche sbagliate
che sono condannate dalla Parola di Dio come per esempio
l’Adorazione dell’Antenato e credere che sia accettabile a Dio.
Essendo un megromania come riferito nella Bibbia è un’attività,
una parte di una cultura e richiede il pentimento.

È possible che potete vedere delle manifestazioni
che appaiono come vostri parenti morti.
Possono anche darvi una guida.
Non ha alcuna importanza, perchè Satana il dio di questo mondo,
l’essere più malvagio nell’universo si presenta come un angelo di luce.

2 Corinzi 11:14 Ciò non fa meraviglia, perché anche Satana
si maschera da angelo di luce.

 È chiaro come il sole che i demoni distruttori possono farsi passare
per qualcuno che voi credete che sia.
Sia che lo sappiamo oppure no siamo osservati dal mondo dello spirito
quindi non è un problema per un demonio dirvi dei fatti su qualcuno
che si trova in un’altra parte del mondo oppure di un defunto.
Crediamo che è incredibile e continuamo felicemente a scendere
nella strada pensando che la rivelazione è buona.
Niente potrebbe essere oltre dalla verità.
Il morto non può generare la vita, il morto produce solo decomposizione.
Il morto non può dare vite nè in parole nè in fatti.
Questo si applica al morto fisico e al morto spiritualmente
Per dare la vita dovete avere la vita
Satana e i peccati risultano nella morte che è classificata come ‘una legge.’
 
Romani 8:2 perché la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesú
mi ha liberato dalla legge del peccato e della morte.

Dilettarsi con l’occulto o i demoni mette a rischio la vostra sanità mentale
che è l’opposto della sanità della mente che è chiaramente un dono di Dio.
Inoltre può risultare in maledizioni di generazione.
Ci è detto di scegliere la vita non solamente per noi stessi,
ma anche per i nostri figli.
Dobbiamo domandarci: ‘ Se scegliamo la morte, non la scegliamo
anche per i nostri figli?’

Deuteronomio 30:15 Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita
e il bene, la morte e il male;
Deuteronomio 30:16  perciò oggi io ti comando di amare l'Eterno,
il tuo DIO, di camminare nelle sue vie, di osservare
i suoi comandamenti, i suoi statuti e i suoi decreti,
affinché tu viva e ti moltiplichi; e l'Eterno, il tuo DIO, ti benedirà
nel paese che stai per andare ad occupare.

Deuteronomio 30:17 Ma se il tuo cuore si volge altrove,
e se tu non ubbidisci e ti lasci trascinare
a prostrarti davanti ad altri dèi e a servirli,
Deuteronomio 30:18 io vi dichiaro oggi che certamente perirete,
che non prolungherete i vostri giorni nel paese, che state
per entrare ad occupare, attraversando il Giordano.

Deuteronomio 30:19 Io prendo oggi a testimoni
contro di voi il cielo e la terra,
che io ti ho posto davanti la vita e la morte,
la benedizione e la maledizione;
scegli dunque la vita, perché possa vivere,
tu e i tuoi discendenti,
Deuteronomio 30:20 e possa amare l'Eterno,
il tuo DIO, ubbidire alla sua voce e tenerti stretto a lui,
poiché egli è la tua vita e la lunghezza dei tuoi giorni,
affinché tu possa abitare nel paese che l'Eterno giurò
di dare ai tuoi padri, ad Abrahamo, Isacco e Giacobbe».

La buona terra per noi al giorno d’oggi è Gesù Cristo
Egli è il pascolo erboso dei Salmi 23

È un grande sbaglio pensare che queste scritture non si applicano
per noi al giorno d’oggi perché sono del Vecchio Testamento.
C’è un’applicazione spirituale per ogni parola nella Bibbia
in quanto ci è stato detto che tutto è la parola di Dio
che sono il Suo Spirito e Vita.

Giovanni 6:63 E' lo Spirito che dà la vita,
la carne non giova a nulla; le parole
che vi ho dette sono spirito e vita.

2 Timoteo 3:16 Tutta la Scrittura è divinamente ispirata
e utile a insegnare, a convincere, a correggere e a istruire nella giustizia,
 
Non dobbiamo dimenticare che Dio non fa preferenze di persone
 
Atti 10:34 Pietro prese la parola e disse: «In verità
sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone,

Se qualcuno dubita che ci troviamo negli ultimi giorni,
deve semplicemente vedere la rapidità risultata nel recente caos.
In un solo giorno tutto il mondo fu cambiato con la distruzione
del World Trade Center Twin Towers.
Il mondo è sull’orlo della guerra mondiale.

Luca 17:26 E, come avvenne ai giorni di Noé,
Il mondo
cosí avverrà anche nei giorni del Figlio dell'uomo.
Luca 17:27 Le persone mangiavano, bevevano,
si ammogliavano e si maritavano, fino al giorno
in cui Noé entrò nell'arca, e venne il diluvio e li fece perire tutti

Luca 17:28  Lo stesso avvenne anche ai giorni di Lot:
la gente mangiava, beveva, comperava, vendeva,
piantava ed edificava;
Luca 17:29 ma nel giorno in cui Lot uscí da Sodoma,
piovve dal cielo fuoco e zolfo e li fece perire tutti.

Il punto è che tutto il sistema del mondo è corrotto da cima a fondo
e quello che abbiamo seminato raccoglieremo,
quindi i versi summenzionati sono applicabili al giorno d’oggi per noi.

Galati 6:7 Non vi fate illusioni; non ci si può prendere
gioco di Dio. Ciascuno raccoglierà quello che avrà seminato.

Se seminiamo idolatria, inevitabilmente raccoglieremo
le sue conseguenze,
cioé la morte.

Non dobbiamo essere stupidi a pensare che siccome qualcosa
sembra buona alla nostra vista è veramente buona.

Nel giardino dell’Eden un albero era la conoscenza del bene
e del male il cui frutto era la morte.
L’altro albero era quello della vita il cui frutto era per definizione la vita.
Si può vedere che quello che è buono e piacevole alla vista
può condurre alla morte.
 
Genesi 3:6 Allora la donna vide che l'albero era
buono da mangiare, gradito agli occhi
e desiderabile per acquistare saggezza;
prese del suo frutto e ne mangiò,
poi ne diede anche al marito, che era con lei,
e anch'egli ne mangiò.

L’idolatria appare piacevole e veramente buona.
 
Malgrado gli incredibili miracoli che Dio aveva fatto
quando aveva liberato la nazione d’Israele dall’Egitto,
alla prima occasione, appena Mosè aveva girato le spalle
avevano fatto un vitello d’oro e incominciato ad adorarlo.
L’adorazione degli idoli è un tema consistente
delle persone scelte di Dio attraverso il Vecchio Testamento.
Tristemente al giorno d’oggi è la stessa cosa, gli idoli abbondano.

Ci sono due rapporti importanti sull’adorazione della statua,
una al passato e l’altro ancora da venire. Il primo è nel Libro di Daniele.
È un precursore della seconda e finale imposazione disastrosa
dell’adorazione della statua nel Libro dell’Apocalisse.
Babilonia al tempo di Daniele era eccessivamente ricca.
Era riferita come la testa d’oro puro

Daniele 2:31 Tu stavi osservando, o re, ed ecco una statua,
una statua enorme, di straordinario splendore,
si ergeva davanti a te con terribile aspetto
Daniele 2:32 Aveva la testa d'oro puro,
il petto e le braccia d'argento,
il ventre e le cosce di bronzo,

Daniele 2:38 A te ha concesso il dominio sui figli dell'uomo,
sugli animali selvatici, sugli uccelli del cielo; tu li domini tutti:
tu sei la testa d'oro.

Il re Nabucodònosor aveva fatto una grande statua d’oro,
lunga circa 39 metri e larga 3 metri..
Aveva ordinato che tutto il paese doveva prostrare e adorarla
o morire.

Daniele 3:1 Il re Nabucodònosor aveva fatto costruire
una statua d'oro, alta sessanta cubiti e larga sei, e l'aveva fatta
erigere nella pianura di Dura, nella provincia di Babilonia.
Daniele 3:2 Il Quindi il re Nabucodònosor aveva convocato
i sàtrapi, i prefetti, i governatori, i consiglieri, i tesorieri,
i giudici, i questori e tutte le alte autorità delle province,
perché presenziassero all'inaugurazione della statua
che il re Nabucodònosor aveva fatto erigere.

Daniele 3:3 Il I sàtrapi, i prefetti, i governatori, i consiglieri,
i tesorieri, i giudici, i questori e tutte le alte autorità
delle province vennero all'inaugurazione della statua.
Essi si disposero davanti alla statua fatta erigere dal re.
Daniele 3:4 Il Un banditore gridò ad alta voce:
«Popoli, nazioni e lingue, a voi è rivolto questo proclama:

Daniele 3: 5 Il Quando voi udirete il suono del corno,
del flauto, della cetra, dell'arpicordo, del salterio,
della zampogna, e d'ogni specie di strumenti musicali,
vi prostrerete e adorerete la statua d'oro,
che il re Nabucodònosor ha fatto innalzare.
Daniele 3:6 Il Chiunque non si prostrerà alla statua,
in quel medesimo istante sarà gettato in mezzo
ad una fornace di fuoco ardente».

Daniele 3:7Il Perciò tutti i popoli, nazioni e lingue,
in quell'istante che ebbero udito il suono del corno,
del flauto, dell'arpicordo, del salterio e di ogni specie
di strumenti musicali, si prostrarono e adorarono la statua
d'oro, che il re Nabucodònosor aveva fatto innalzare.

Si può vedere la serietà dell’adorazione della statua d’oro o morire.

Possiamo erroneamente pensare che si tratta dei vecchi tempi.
L’unico problema è che il nemico sente che va bene e lo userà ancora
alla fine dei tempi.
Anche questa volta si avranno le stesse conseguenze
come al tempo di Daniele, adorazione o morte.

L’Editto

Daniele 3: 11 chiunque non si prostrerà per adorarla, s
ia gettato in mezzo ad una fornace con il fuoco acceso.

L’Accusa

Daniele 3: 12 Ora, ci sono alcuni Giudei, ai quali hai affidato
gli affari della provincia di Babilonia, cioè Sadràch, Mesàch
e Abdènego, che non ti obbediscono, re: non servono i tuoi dei
Daniele 3: 13 Allora Nabucodònosor, sdegnato, comandò
che gli si conducessero Sadràch, Mesàch e Abdènego,
e questi comparvero alla presenza del re.

Un’opportunità per peccare

Daniele 3: 15 Ora, se voi sarete pronti, quando udirete
il suono del corno, del flauto, della cetra, dell'arpicordo,
del salterio, della zampogna e d'ogni specie
di strumenti musicali, a prostrarvi e adorare la statua
che io ho fatta, bene; altrimenti in quel medesimo istante
sarete gettati in mezzo ad una fornace dal fuoco ardente.

Una Sfida contro Dio

Qual Dio vi potrà liberare dalla mia mano?»

Daniele 3: 16 Ma Sadràch, Mesàch e Abdènego
risposero al re Nabucodònosor: «Re, noi non abbiamo
bisogno di darti alcuna risposta in proposito;

Risposta alla sentenza di morte

Daniele 3: 17 sappi però che il nostro Dio,
che serviamo, può liberarci dalla fornace
con il fuoco acceso e dalla tua mano, o re.

Totale rifiuto di commettere l’idolatria

Daniele 3: 18 Ma anche se non ci liberasse,
sappi, o re, che noi non serviremo mai i tuoi dei
e non adoreremo la statua d'oro che tu hai eretto».

La sentenza messa in pratica

Daniele 3: 21 Furono infatti legati, vestiti come erano,
con i mantelli, calzari, turbanti e tutti i loro abiti
e gettati in mezzo alla fornace con il fuoco acceso.

La loro Giustificazione e Liberazione

Questi giovani scelsero di ubbidire Dio piuttosto che gli uomini
anche se si trattava della morte.
L’istruzione finale sull’adorazione dell’immagine alla fine
dei tempi si trova nell’Apocalisse.
Ci saranno documenti separati che trattano altri aspetti
di questa situazione, tuttavia per il momento concentriamoci sul fatto
che alla fine dei tempi ci sarà un individuo che sorgerà
e gli sarà data l’autorità dallo stesso Satana.

Domanderà di essere adorato o di morire.
Il suo potere miracoloso sarà talmente grande che farà grandi segni
e prodigi compreso dando vita e voce ad una statua.
Tutti quelli che non lo faranno saranno uccisi.
Molti cristiani sono concentrati sui segni e prodigi e questo può essere
una grande trappola se non stanno attenti.
Naturalmente ci saranno segni e prodigi,
tuttavia dobbiamo essere concentrati in Gesù Cristo.

Apocalisse 13:11 Vidi poi salire dalla terra un'altra bestia,
che aveva due corna, simili a quelle di un agnello,
che però parlava come un drago.
Apocalisse 13:12 Essa esercita tutto il potere della prima bestia
in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti
d adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita.

Apocalisse 13:13 Operava grandi prodigi, fino a fare scendere
fuoco dal cielo sulla terra davanti agli uomini.
Apocalisse 13:14 Per mezzo di questi prodigi,
che le era permesso di compiere in presenza della bestia,
sedusse gli abitanti della terra dicendo loro di erigere una statua
alla bestia che era stata ferita dalla spada ma si era riavuta.

Apocalisse 13:15 Le fu anche concesso di animare la statua
della bestia sicché quella statua perfino parlasse
e potesse far mettere a morte tutti coloro
che non adorassero la statua della bestia.
Apocalisse 13:16 Faceva sì che tutti, piccoli e grandi,
ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio
sulla mano destra e sulla fronte;

Apocalisse 21:8 Ma per i paurosi e gl'increduli, gli abietti
e gli omicidi, gl'immorali, i fattucchieri, gli idolàtri
e per tutti i mentitori è riservato lo stagno ardente
di fuoco e di zolfo. E' questa la seconda morte».

Non credo che occorra alcuna spiegazione eccetto che ognuno
di noi non vorrebbe avere una parte nella seconda morte.
Piuttosto dobbiamo cercare di vincere e di fare parte
della Nuova Gerusalemme

Ora che lo sapete, cosa farete prima che sia veramente troppo tardi?


Messaggi di Peter James





Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
IDOLATRIA ...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» MONOTEISMO E MONOLATRIA.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ULTIMI TEMPI :: DOCUMENTI DI PETER JAMES-
Andare verso: